it-ITen-GB

SALUTE E SICUREZZA AMBIENTE DI LAVORO

Area

AMBIENTE DI LAVORO

Argomento

AL1

REACH/CLP – GESTIONE DEI CONTROLLI

Titolo corso

Consigli pratici per REACh e CLP ed evitare le elevate sanzioni previste in caso di inadempienze

Contesto di riferimento

In attuazione dell’Accordo Stato-Regioni (Rep. 181/CSR del 29/10/2009), concernente il sistema dei controlli ufficiali e le relative linee di indirizzo per l'attuazione del regolamento REACH (G.U. n. 285 del 07/12/2009), sono da tempo iniziati i controlli ufficiali da parte di Enti quali ARPA, ASL, INAIL, etc..., ed in molti casi sono state rilevate numerose sanzioni alle aziende (ex D. Lgs. 133/2009).

I principali obiettivi del controllo riguardano:

  • avvenuta presentazione della Registrazione o, per le sostanze soggette a regime transitorio, della Registrazione preliminare (artt. 6, 23 e 28 del Reg. REACH);
  • corrispondenza e completezza delle informazioni contenute sia nella SDS, sia nelle etichette applicate sulle confezioni di sostanze e miscele;
  • presenza delle Schede di Dati di Sicurezza (SDS) e la loro conformità alla normativa vigente (art. 31 del Reg. REACH e s.m.i.);
  • presenza della relazione sulla sicurezza chimica, ove prevista (artt. 14 e 37 del Reg. REACH);
  • presenza dell’allegato alla SDS (scheda di sicurezza estesa), contenente la sintesi degli scenari di esposizione qualora sia prevista la relazione sulla sicurezza chimica (art. 14 del Reg. REACH);
  • applicazione delle misure di gestione del rischio previste e loro efficacia (art. 14 del Reg. REACH e lettera Circolare del Ministero del Lavoro del 30/06/2011);
  • avvenuta comunicazione delle informazioni lungo la catena di approvvigionamento;
  • avvenuta presentazione della notifica di cui agli artt. 40 e 49 del Reg. CLP.

Destinatari

Consulenti Sicurezza, datori di lavoro, dirigenti e preposti, RSPP, ASPP

Obiettivi

  • Analizzare le indicazioni provenienti dal “Forum for Exchange of Information on Enforcement” dell’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche (ECHA);
  • Individuare ed organizzare la documentazione aziendale necessaria ad affrontare i controlli ufficiali riguardanti il Reg. REACh, ed evitare le possibili sanzioni previste dal D. Lgs. 133/2009 (decreto sanzioni);
  • Implementare sistemi di gestione interni, che permettano di mantenere nel tempo la corretta applicazione del Reg. REACh.

Contenuti

  • Illustrare delle indicazioni provenienti dalla normativa vigente Reg. REACH e s.m.i, D. Lgs. 133/2009 (decreto sanzioni).
  • Implementare dell’audit come strumento di controllo per verificare la capacità di raggiungere e mantenere nel tempo la corretta applicazione del Reg. REACH.
  • Impostare di un Sistema di gestione efficace per garantire azioni inerenti:
  • la verifica di conformità delle SDS;
  • la verifica di conformità degli scenari di esposizione (sia come produttori/importatori che come utilizzatori a valle);
  • la predisposizione e documentazione attestante la produzione/utilizzo degli intermedi solo in condizioni rigidamente controllate;
  • analizzare la valutazione del rischio chimico dell’azienda (ex D. Lgs. 81/08 e smi) e le misure di gestione del rischio indicate nel dossier di Registrazione;
  • documentazione che deve tenere a disposizione un rappresentante esclusivo.

Docenti

Il corso è gestito da personale Icaro e Pegaso con comprovata e pluriennale esperienza nelle materie oggetto del programma. È prevista la partecipazione di Esperti di Enti di controllo e di Aziende che hanno avuto già controlli ufficiali da parte delle Autorità.

Sede

Centro Sant’Agostino, Via Guelfa 40 Cortona (AR).

Il corso può essere tenuto anche presso la committente.

Durata

16 ore.

Metodologie didattiche

La metodologia di insegnamento predilige una metodologia attiva: lezioni frontali, esercitazioni d’aula e relative discussioni, lavori di gruppo e verifica finale.

Note