it-ITen-GB

COMUNICAZIONE

Area

COMUNICAZIONE

Argomento

CO2

La comunicazione al territorio

Titolo corso

Modi e criteri per gestire e ottenere una convivenza attiva e solidale

Contesto di riferimento

EMAS - “Comunicazione con il pubblico: le organizzazioni che applicano l'EMAS devono poter dimostrare di avere un dialogo aperto con il pubblico e i soggetti interessati, comprese le comunità locali ed i clienti...”

  1. IPPC “Entro 15 gg dalla comunicazione il gestore provvede alla pubblicazione su un quotidiano a diffusione provinciale, regionale o nazionale, a seconda delle competenze, di un annuncio …”
  2. ”Entro 30 gg i soggetti interessati possono presentare all'Autorità competente osservazioni scritte sulla domanda.” RISCHI RILEVANTI “Il Gestore, contestualmente alla notifica di cui al comma 2, invia al Ministero dell'Ambiente, alla Regione, al Sindaco e al Prefetto competenti per territorio le informazioni di cui all'allegato V -Scheda d'informazione sui rischi di incidenti rilevanti per i cittadini ed i lavoratori.”
  3. Come evidente da questa serie di normative e regolamenti, l'esigenza di Informare e Comunicare è avvertita in maniera sempre più stringente soprattutto dal Legislatore che ha oramai avviato un processo irreversibile di apertura al territorio che coinvolge dipendenti, autorità locali, enti di controllo e popolazione. Informazione e comunicazione, che sono gli strumenti umani di determinazione e formazione culturale, sono i pilastri su cui costruire queste relazioni, ma se comunicare è un atto istintivo e necessario dell'uomo, saper comunicare in modo efficace è molto più difficile. Dato che il lavoro occupa la maggior parte delle giornate va da sé, inoltre, che la comunicazione deve sottostare a criteri di etica aziendale. Questo nuova componente ha un peso specifico culturale enorme e in questo particolare momento richiamarsi ad essa può avere un valore più ampio.

Note:

  1. Allegato I parte B regolamento (CE) N° 761/2001 del Parlamento Europeo e del Consiglio… GUCE del 24/04/01.
  2. D. Lgs 372/99 procedura per il rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale.
  3. D. Lgs 334/99 normativa SEVESO sulla prevenzione dei pericoli d'incidente rilevante.

Destinatari

Consulenti Sicurezza, datori di lavoro, dirigenti e preposti, RSPP, ASPP, varie figure aziendali.

Obiettivi

  • Chiarire e sistemizzare il percorso dei processi di informazione e comunicazione richiamati sia dalle norme che dai regolamenti;
  • Illustrare le tecniche di relazione con i media e di costruzione di un comunicato stampa appropriato, allo scopo di affinare le tecniche di comunicazione per:
  • evitare l'insorgere di fraintendimenti, visioni parziali o indebite speculazioni che possano condurre la popolazione a timori infondati od a conclusioni irragionevoli;
  • costruire la fiducia dell’ autorità e della popolazione in genere, sulle politiche delle aziende, sulla capacità e sull'impegno delle loro risorse umane ed organizzative e sulle azioni di contenimento dei rischi che le stesse aziende pongono in atto;
  • creare e mantenere relazioni vitali anche nelle emergenze per sostenere ogni provvedimento, ogni decisione.

Contenuti

  • Panoramica delle normative e regolamenti che indicano l'Informazione e la Comunicazione come requisito essenziale
  • Cos'è la Comunicazione
  • La comunicazione alla popolazione
  • Modalità per non subire la Comunicazione ma gestirla
  • Modalità e criteri per impostare un processo “continuo” di Comunicazione
  • Individuazione degli elementi critici che ostacolano/favoriscono la continuità del processo comunicativo
  • La diffusione dell'informazione
  • Comunicazione etica: persuasione, propaganda e manipolazione
  • I mass media: attività tra informazione ed educazione
  • Elaborazione di relazioni di sintesi e comunicati stampa
  • La Comunicazione in situazioni di emergenza
  • Durante il corso verranno presentate ed illustrate due esperienze di:
  • comunicazione al territorio nell'area siracusana;
  • studio sulla percezione del rischio industriale nell'area del Danubio.

Docenti

Il corso sarà tenuto da personale specializzato in comunicazione, tecniche di presentazione in pubblico e ”teatro formazione”.

Sede

Centro Sant’Agostino, Via Guelfa 40 Cortona (AR).

Il corso può essere tenuto anche presso la committente.

Durata

12 ore

Metodologie didattiche

Comunicazione, interattivo, role playing, esercitazioni

Note