it-ITen-GB

TECNICHE ANALITICHE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI PROCESSO

Area

RISCHI E AFFIDABILITÀ

Argomento

RR2

SIL/LOPA

Titolo corso

Metodologie per applicazione di Safety Integrity Level Analysis-SIL in accordo allo standard IEC 61508/11 sia per la fase Allocation che Verification

Contesto di riferimento

La problematica della gestione dei rischi di incidente rilevante, connessi alla detenzione e all’utilizzo di sostanze pericolose, ha assunto un quadro di riferimento sempre più preciso e dettagliato sia nella legislazione europea che in quella italiana, in particolare in vista della revisione quinquennale del Rapporto di Sicurezza ex art. 8 D. Lgs 334/99 e smi.

La valutazione dei rischi procede stimando, per ciascun evento incidentale di riferimento, la frequenza di accadimento e la magnitudo delle conseguenze, tenendo conto delle misure di prevenzione e protezione disponibili.

In particolare, la stima della frequenza di accadimento dei così detti “top event” (individuati mediante tecniche sistematiche quali l’analisi di operabilità HazOp) viene usualmente effettuata mediante la tecnica degli alberi dei guasti (Fault Tree Analysis). L’albero di guasto viene sviluppato descrivendo dettagliatamente le modalità logiche di accadimento dell’evento e di intervento dei sistemi di prevenzione e protezione. Una volta assegnata la frequenza di guasto a ciascun evento base (guasto di un componente, errore umano, etc.), sulla base dei valori reperibili in banche dati specializzate o rese disponibili dal fornitore del componente in oggetto, una complessa tecnica di calcolo consente di stimare la frequenza di accadimento del top event espressa in numero di eventi/anno con lo scopo di garantire un sufficiente livello di sicurezza dei sistemi, IEC (International Electrotechnical Commission) ha sviluppato una metodologia, pubblicata nello standard IEC 61508 / IEC 61511 che consente di attribuire (Allocation Phase) a ciascuna funzione automatica di sicurezza un valore minimo di affidabilità, il così detto livello SIL (Safety Integrity Level), che dovrà essere garantito al momento della progettazione del sistema di protezione (Verification Phase), definendo tra l’altro anche l’intervallo minimo di test. L’affidabilità in oggetto viene espressa in termini di probabilità di fallimento a domanda (PFD, Probability of Failure on Demand). Il calcolo della PFD di una funzione di sicurezza, definita che siano l’architettura e la logica di intervento, viene effettuata mediante la medesima tecnica degli alberi di guasto.

Obiettivo del corso è di fornire le metodologie e le tecniche di analisi per condurre nel suo complesso l’Analisi SIL, in accordo allo standard IEC 61508/11, che vede un sempre maggior interesse anche da parte degli Enti preposti al controllo.

Si sottolinea che l’applicazione dello standard ha ricadute pratiche nella gestione dei sistemi di sicurezza e di blocco degli impianti industriali, sia in fase di progettazione (criteri per la selezione della strumentazione più idonea per i rischi associati all’impianto) che in termini di esercizio (criteri e periodicità dei test da eseguire allo scopo di mantenere il livello di integrità del sistema.

Destinatari

Consulenti e responsabili aziendali HSE.

Obiettivi

Il corso si propone di fornire ai partecipanti una panoramica:

  • delle conoscenze e degli strumenti necessari ad assegnare e verificare il livello di sicurezza SIL di una funzione di protezione, in accordo allo standard IEC 61508/11, in stretta relazione con i risultati dell’analisi HazOp e, ove disponibile, dell’analisi di rischio;
  • delle conoscenze e degli strumenti necessari per poter partecipare attivamente alla stima della frequenza di accadimento di eventi incidentali e della probabilità di fallimento a richiesta di una funzione di sicurezza mediante la tecnica degli alberi dei guasti (Fault Tree Analysis);
  • delle ricadute sull’analisi di rischio in merito all’installazione di sistemi di protezione ad elevata affidabilità certificata.

Contenuti

  • Cenni sulla Teoria dell’affidabilità.
  • Introduzione allo standard IEC61508/11.
  • Classificazione del SIL / impostazione.
  • Classificazione del SIL / sviluppo di un caso pratico.
  • Verifica del SIL – impostazione e sviluppo di un caso pratico.
  • Ratei di guasto ed affidabilità dei componenti.
  • Sviluppo di alberi dei guasti per il calcolo della frequenza.

Docenti

Personale della ICARO Srl, con comprovate esperienze nel campo dell'analisi di rischio, metodo ad indici, classificazione ed etichettatura di sostanze pericolose, elaborazione di rapporti di sicurezza e Valutazioni di Impatto Ambientale, con la partecipazione di Consulenti degli Organi di Controllo.

Sede

Centro Sant’Agostino, Via Guelfa 40 Cortona (AR).

Il corso può essere tenuto anche presso la committente.

Durata

12 ore.

Metodologie didattiche

La metodologia di insegnamento predilige una metodologia attiva: lezioni frontali, esercitazioni d’aula e relative discussioni, lavori di gruppo e verifica finale.

Note